domenica 6 novembre 2016

Recensione "Rebel. Il deserto in fiamme" di Alwyn Hamiton

Buongiorno cuori librosi,
voglio parlarvi di un fantasy che mi ha completamente conquistata.
Si tratta di "Rebel. Il deserto in fiamme", edito da Giunti Editore.
Buona lettura!


LA COPERTINA:




LA RECENSIONE:

"Ed ecco di nuovo quel sorriso. Forse io avevo occhi traditori, ma Jin aveva quel genere di sorriso capace di incantare anche il più acerrimo dei nemici; ma era anche un sorriso che mi faceva pensare di conoscerlo da sempre e che insieme avremmo potuto superare tutto."

Amani è una ragazza del deserto dagli occhi blu, un colore più unico che raro nell'ambiente in cui vive. La vita nel villaggio le è sempre stata stretta e, da tempo, medita la fuga verso la città: lontana dagli obblighi familiari e da una vita di costrizioni.  Quando finalmente le si presenta l'occasione, è più che mai decisa a coglierla, Peccato che la fuga desti da subito grande attenzione in quanto non è sola, ma in compagnia del pericoloso Serpente dell'Est, Jin.


"Il deserto era immutabile. Per quasi due mesi non vedemmo altro che sabbia e cieli azzurri. Le vesciche ai piedi si assorbivano giusto in tempo per accoglierne di nuove. L'impazienza che cercavo di soffocare da una vita minacciava di esplodere. Stavo andando a Izman e non mi ero mai sentita più viva di così."

Il viaggio in compagnia di Jin, non è privo di ostacoli e pericoli, ma almeno è un passo più vicina a raggiungere il suo sogno di libertà. In più, per quanto si ostini a negarlo, la vicinanza di quel misterioso ragazzo rende tutto più piacevole. 
Nonostante conosca poco e niente di Jin, si fida di lui e del piano che hanno elaborato.
Quando però scopre la sua vera identità, la delusione è palpabile e in un attimo è come se Amani fosse tornata prigioniera nel suo villaggio. Jin le ha mentito, ora deve scoprire perché e se c'era un fondo di verità nelle sue parole.

"Volevo stare con lui più di quanto volessi raggiungere Izman. Mi piaceva la vita nel deserto con lui. Eravamo perfetti insieme, ci trattavamo da pari. Ormai eravamo troppo coinvolti per dividerci senza rimpianti."

Ma Jin non è l'unico ad avere un'identità segreta, anche Amani, a sua insaputa, non è quel che sembra. Tra creature leggendarie, mutaforma e un gruppo affiatato di ribelli, sta per iniziare una battaglia epica contro il potere del Sultano e inaspettatamente Amani, avrà un ruolo di spicco nella vicenda. Finalmente non sarà più una semplice ragazza del deserto, ma un'eroina capace di cui aver paura.


IL MIO GIUDIZIO.

Come vi accennavo all'inizio del post, ho amato questo libro e l'ho divorato in un giorno.
Mi è piaciuta la storia e come è stata sviluppata la trama, mi sono piaciuti i personaggi, soprattutto Amani,il Bandito dagli Occhi Blu. Mi è piaciuta la costruzione di questo mondo fatto di sabbia e magia in cui niente è come sembra. Amani è una ragazza che lotta per superare i propri limiti: purtroppo, nella società in cui vive, è considerata alla stregua di un capo di bestiame ed è disposta a tutto per cambiare la propria condizione e far vedere quanto vale. Jin è un personaggio misterioso che non ho ancora ben inquadrato, spero di poterlo fare nel secondo capitolo della serie. Anche la figura del Principe Ribelle è avvolta nell'ombra e non vedo l'ora di saperne di più. 
L'ambientazione è da mille e una notte, il deserto è un luogo pieno di insidie e pericoli e, nel nostro caso, anche popolato da terribili creature capaci di dissolversi come sabbia o radere al suolo interi villaggi. L'autrice ammalia il lettore attraverso una narrazione molto scorrevole e curata che procede con un ritmo incalzante e ricco di colpi di scena. Da tempo non leggevo un fantasy così ben strutturato!
Corro a leggere il secondo libro e intanto vi consiglio assolutamente di procurarvelo!!



                                                                    

1 commento:

  1. Wow me lo sentivo che era un libro assolutamente imperdibile, lo recupererò <3

    RispondiElimina